Andiamo? Andiamo.


voicesinwartime.jpgE’ stato pubblicato, per i tipi di Besa Editrice, “Asilo di mendicità“, seconda raccolta poetica di Simone Giorgino. Simone, che di recente ha inaugurato un blog dedicato alla poesia detta, Audiopoesia, è uno dei tre autori di Venenum. Ha pubblicato suoi versi su rivista e, soprattutto, li continua a portare con la sua voce e persona in reading e in rete. Il 2 Luglio, presso il Teatro Asfalto a Lecce sarà insieme a Andrea Cariglia e Piero Rapanà in Misericordia, uno spettacolo ispirato alla Recherche. Qui di seguito pubblico una poesia estratta da questo suo libro, una raccolta di versi la cui composizione è stata lunga e composita; il volume è accompagnato da due interventi critici inediti, uno mio e uno di Michele Truglia, dopo sette anni siamo di nuovo qui, qualcosa è cambiato, di sicuro abbiamo preso qualche schiaffo e calcio, magari siamo riusciti a tirare qualche boccata di aria salata, ma è stato un bagliore nella notte, e poi siamo tornati a correre a modo nostro, come dice Michele, esperto (non solo io) in corse e fughe. Fratelli, alla vostra!

La stirpe

Poi si morrà a novecentotrentanni
sgranchito al lato concavo del gioco
souvenir di neve, balocco
di strane torsioni strani
imbiancamenti come imbiancai la terra fiocco a fiocco
non veduto all’ombre seminando il seme
di Enoch mi parve o Enòs di Set o Sem
comunque imbattezzati dunque vani
poiché fructus ventris d’ombra
poiché il calco delle orme
è risepolto dalla neve che ricolma
a ghiacciare la stirpe al sonno che la dorme.

About these ads