“Re Kappa” presentazioni di luglio.


Giovedì 12 Luglio
Corigliano D’Otranto (LE)
Castello de’Monti Ore 21.00

Elio Coriano e Luciano Pagano
presentano “Re Kappa”

§

Sabato 14 Luglio
Melpignano – Notte Bianca


Rossano Astremo, Mauro Marino e Luciano Pagano
presentano “Re Kappa”

***** Alcuni giudizi su “Re Kappa”, resoconto della vicenda del rinvenimento e della pubblicazione del manoscritto del libro intitolato “Volonté du roi Krogold”, pubblicati dalla stampa estera e nazionale. *****

Re Kappa è un Candido minore, ironico e leggero, all’avventura nel «migliore dei mondi possibili», quello della cultura, un mondo tanto bello che non di rado fa quasi schifo.”
Michele Trecca su “La Gazzetta del Mezzogiorno” (13 maggio 2007)

“Pagano cortocircuita storia letteraria e invenzione letteraria e il risultato è originale.”
Patrizia Danzè
su Stilos (1 maggio 2007, Anno IX, Numero 9)

“Piuttosto che cedere alle complicazioni metereopatiche, è utile dotarsi di strumenti in gradi di accelerare l’ambientamento e uno di questi può essere Re Kappa
Massimiliano Zambetta
sul “Corriere del Mezzogiorno” del 7 Giugno 2007

“Qui dunque comincia Re Kappa. Dove la letteratura contemporanea sembrerebbe fermarsi, Re Kappa comincia. Prende il via il percorso tortuoso di uno scrittore alla ricerca della sua trama, del suo libro tra gli altri.”
Elisabetta Liguori su “Paese nuovo” (31 marzo 2007)

“Pagano è un narratore abile: scrive in modo intelligente […] usa in modo intelligente la sua cultura (letteraria e non), costruisce il suo racconto in modo sapiente, ha una creatività ironica e soprendente.”
Eleonora Carriero su quiSalento di giugno

“C’è scrittura in Pagano, così come atmosfera, e il tutto è reso in un linguaggio contemporaneo, ma in uno stile che guarda al post moderno, con inserti strumentali mutuati dal passato.
Sta nascendo uno scrittore a 360 gradi”
Antonella Casilli su “Teatro Naturale” (maggio 2007)

“a sfogliare le pagine del lavoro di Pagano, ci si sente come scossi da una scarica elettrica, come se sorgesse repentino un imperativo categorico che spinge a dedicarsi alla parola”
Stefano Donno su “Coolclub.it” (maggio 2007)

About these ads