24 Luglio 2012 – Angela Leucci e Gianluca Conte al Liceo Capece di Maglie


“Café des artistes” di Angela Leucci e
“Danza di nervi” di Gianluca Conte (Lupo editore)

martedì 24 luglio 2012 ore 21,00
Liceo Capece di Maglie (Piazza Aldo Moro a Maglie in provincia di Lecce)

Presenta gli autori Paolo Merenda

Café des artistes di Angela Leucci e Danza di nervi di Gianluca Conte (Lupo editore) saranno presentati da Paolo Merenda in un unico appuntamento martedì 24 luglio 2012 alle 21,00 presso il liceo Capece di Maglie (Piazza Aldo Moro a Maglie in provincia di Lecce).

Cafè des artistes di Angela Leucci – Una bionda detective argentina, un caffè letterario, lo strano omicidio di un pusher. Sono solo alcuni degli elementi di “Café des Artistes”, romanzo breve che apre il ricco scenario ai personaggi racchiusi in questa raccolta. Una galleria di suggestioni, in cui il folle Michele Lamorte scolpisce nella pietra l’immagine della moglie morta e il motto “Beati quelli che non hanno storia”, un’insegnante costruisce dentro di sé l’aberrazione per i lunedì, due gemelle uccidono per essere felici e due gemelli si danno all’incesto per liberare il mondo dal male. Come nei Menecmi plautini o nei film di Peter Greenway, anche le immagini simmetriche nascondono storie inenarrabili, tutte da leggere.

Angela Leucci – Incantatrice di serpenti, go-go dancer, blogger e giornalista, Angela Leucci è lo pseudonimo infelice dietro cui si nasconde Clarita Lasalerosa, l’eroina di questo romanzo. Attualmente è corrispondente per i quotidiani “La gazzetta del mezzogiorno” e Otranto Oggi, il settimanale Belpaese e per il portale DireDonna. Ha pubblicato con Akkuaria “Nani, ballerine e altre suggestioni” ed è stata finalista al concorso “Streghe e vampiri” di Giovane Holden Edizioni. Suoi racconti e poesie sono comparsi nelle raccolte “31 piccoli scatti & scritti” di Linea BN Edizioni ed “Eroticoamore” di Albus, e nella miscellanea “Note di storia e cultura salentina” della Società di Storia Patria per la Puglia.

Danza di Nervi di Gianluca Conte – Gianluca Conte ricorda, a chi dimentica l’origine del raccogliere versi, quell’andare a costituire una ‘raccolta poetica’ come gesto che presuppone una semina antecedente alla scrittura. Questa ‘danza di nervi’ oscilla tra Mondo e Terra, dove il Mondo è inteso come la rete di rapporti sociali che sono un furto dell’esistenza ‘vera’ e la Terra è il nostro luogo di origine, il luogo dove siamo destinati a tornare, “[...] mi copro d’argilla e ferro/per non dimenticare/ che appartengo alla terra/ma strizzo l’occhio al cielo”. Il rapporto lacerante tra l’individuo e le convenzioni sociali è uno dei temi più ricorrenti, la finzione della maschera che ricopre la vita(torneranno come “Facce sciolte di cera”), è la stessa di “Un ordito fatto male, indossato come a caso,/un vestito cucito addosso senza ben misurare/la distanza che passa tra il tuo cuore e l’infinito.” Dopo Insidie e Il riflesso dei numeri, la conferm a di un percorso poetico che fonda la sua concretezza nell’equilibrio tra lirismo poetico e impegno sociale.
(Luciano Pagano)

Gianluca Conte – Nato a Galugnano (Le) nel 1972. Laureato in filosofia, è poeta, scrittore, operatore culturale. Con il Centro Studi Tindari Patti ha pubblicato la silloge Il riflesso dei numeri (2010), finalista al concorso nazionale “Andrea Vajola”. Con Il Filo Editore, ha pubblicato Insidie (2008).

Info
Lupo Editore
0832.949510

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...